Quanto ti costa un finanziamento?

Il-gatto-e-la-volpe

Tra le coppie più temute al mondo abbiamo: la Matrigna e il cacciatore di Biancaneve, il gatto e la volpe e il Tan e il Taeg.

L’accostamento non è dei migliori, ma forse è il caso di conoscere di cosa si tratta per affrontarli.

 

Che cosa sono i tassi Tan e Taeg? Continua a leggere

9 tipi di colleghi che ti fanno venir voglia di cambiare lavoro

una-poltrona-per-due-olycom-1150x748-k7KG-U10602772596157aWF-700x394@LaStampa_it

Il lettore di postille: Sono hobbit che abitano nell’ufficio in fondo al corridoio a destra. Nella loro vita hanno letto più postille del giudice di Forum. Passano il weekend a studiare appendici e piè di pagina, per poi tornare nell’oblio dell’ultimo ufficio ogni lunedì mattina.

Il tecnologico: Non importa che tu abbia un Iphone o un Nokia 3310, lui ti farà vedere che ha “l’ultimo modello”. Ha scovato addirittura un’app che gli permette di pianificare il budget aziendale del 2039. Solitamente è figo. Almeno il mio collega tecnologico lo è.

La segretaria: Lei. L’unica. Inimitabile. Sempre al telefono con i clienti che le confessano più informazioni che al parroco o con i colleghi, che hanno sempre un favore da chiederle, come se fosse un caso di vita o di morte. Risponde in modo cordiale, anche se a volte sarebbe il caso di censurare i suoi pensieri di morte più sinceri ai soliti tre o quattro rompiscatole.

Il commerciale: se lo cerchi è al bar. A prendere il caffè? No, a fare relazioni sociali. Eri addirittura convinta che al bar ci lavorasse. Solitamente ha problemi a stare seduto alla scrivania, parla e gesticola in modo vivace. Sarebbe in grado di vendere sua nonna come un buon usato garantito.

Il nevrotico: Detto anche “oggi non è giornata”. Inseguito dalla nuvoletta di Fantozzi, sembra che le sciagure capitino tutte a lui. Gli rubano sempre il parcheggio, fuma in modo compulsivo, trova sempre clienti ansiosi e irritabili come lui.

Il “so tutto io”: Sempre cool, fashion, ammiccante. Si prende i meriti di tutto. Ha tre segretarie personali, va in cravatta anche al mare, non si capacita di non essere ancora diventato capo supremo. Ovviamente trama contro il capo supremo.

La vipera: Ti riporta alla mente la snob del liceo che ti guardava dall’alto in basso, ci avevi messo anni per superare quel trauma. Solitamente è odiosa. Le hai augurato mille volte di rompersi la caviglia con i tacchi ma per ora ancora nulla di fatto.

Il ritardatario: La riunione inizia alle 9, ma la tua convocazione sarà sempre alle 7.30. Non importa. Arriverai comunque alle 9.30.

Il “ma davvero lavora con noi?” Il collega che nessuno ha mai visto. Tutti ne parlano ma nessuno lo conosce. Ha sempre un imprevisto che gli impedisce di partecipare alle riunioni aziendali: dalla figlia con la febbre all’udienza papale.

Se nel tuo ufficio non c’è uno di questi personaggi, probabilmente potresti essere tu.

Elisabetta Massa

Carità cristiana, bilanci divini, stato laico e 8 per mille

berti

Maggio è tempo di bilanci. In tutti sensi: prova costume, chiusura dei bilanci aziendali, quanti soldi ho per andare in vacanza.

Quando si parla di bilanci e dichiarazione dei redditi viene spesso in mente l’8×1000.

Ma voi avete mai capito cos’è? L’otto per mille è la quota di imposta sui redditi soggetti IRPEF, che lo Stato italiano distribuisce, in base alle scelte effettuate nelle dichiarazioni dei redditi, fra se stesso e le confessioni religiose che hanno stipulato un’intesa.

Quest’ idea, ovviamente tipica di uno stato dichiarato laico, è nata nel 1985 da un accordo tra l’allora Presidente del Consiglio Bettino Craxi e il Segretario di Stato del Vaticano, Agostino Casaroli. Continua a leggere

Che mondo sarebbe senza Vicenza

IMG-20160517-WA0012

“Che mondo sarebbe senza Nutella”, “Dove c’è Barilla c’è casa”, “E’ sempre l’ora dei Pavesini”… gli slogan pubblicitari ai giorni nostri sono tutto. Chi non ha sentito almeno uno dei tre che ho appena citato? Servono a far conoscere il prodotto e metterne in luce i punti di forza.

 “Tornano i tempi dove una banca non ti guarda troppo dall’alto, né troppo dal

basso. Dove una banca, fa solo la banca”. 

Promo della Banca Popolare di Vicenza. Ora, io non sono veneta, magari sono giustificata, ma sinceramente non l’avevo mai sentito. Però è carino, non ti guardo dall’alto… faccio solo la banca… perché scusa prima che facevi? Continua a leggere

BCC Crediveneto liquidata

the-endNota di Banca d’Italia del 07 Maggio. BCC CREDIVENETO viene posta in liquidazione, non esiste più.

La Clientela è stata rilevata da Banca Sviluppo…

Sitazione tipo “basta-tra-noi-è-finita-però-restiamo-amici”: la bcc viene messa in liquidazione, però non cambia niente perché diventate tutti automaticamente clienti di un’altra Banca. Come a dire, le cose tra me e te non vanno più bene, però restiamo amici e comincia a frequentarti con mio cugino.

Divertente. Peccato che non abbiano chiesto il parere di nessun cliente ceduto. Va bè, è così la vita da correntista, un giorno una banca, un giorno un’altra… Continua a leggere

Petrolio, nuovi inizi e bacchett(at)e cinesi

news-letter-1-2014-870x350

OGGI, ma solo per oggi, proverò a fare la persona seria, e dimostrare che davvero ho una laurea e un master in economia.

Non è vero. Vediamo in 10 parole cosa è successo sui mercati da inizio anno ad oggi.

Il vecchio detto di mio nonno “Sell in May and Go Away”, quest’anno non ha funzionato. Sell in may, cioè vendi tutto a maggio and go away, e vattene in vacanza, quest’anno non era la scelta più strategica da fare.

Andava bene Sell in Xmas and non-tornare-più.  Da gennaio 2016 ad oggi c’è stato il panico sui mercati. Perché? Continua a leggere

Obiezioni e Barbe Finte

IMG-20160505-WA0001

Improvvise. Inaspettate. Talvolta assurde. Parliamo di donne? No, di obiezioni. Ad un corso di PNL, il Professor Sacchi le chiamava Barbe Finte, ovvero tutte quelle scuse che prendiamo per procrastinare una decisione.

“Amore, andiamo a fare shopping?” ,“Mmmm, non posso mi sono girato i pollici troppo velocemente e devo aspettare che rallentino!

Quando credete di aver fatto la trattativa perfetta, ecco che arrivano loro. Le obiezioni.

Ma come fare per gestirle?

 

Elisabetta Massa

Fuxia fashion 500

banconota-500-euro-1217

Non ho nemmeno fatto in tempo a conoscerla che già ci abbandona! Così bella, così attraente, colorata. Si vociferava molto sulla sua esistenza ma in pochi l’avevano vista. Lei. La banconota da 500 euro.

Il presidente della Bce, Mario Draghi, oggi annuncerà il ritiro della suddetta banconota dalla circolazione. A nulla sono valse le suppliche di chi non l’aveva mai vista dal vivo, la banconota da 500 sarà ritirata. Continua a leggere

Festa dei Lavoratori 2.0

grgergge

Oggi niente lezioni di economia. Niente terrorismo sulle banche, niente stime e grafici.

Primo Maggio, Festa dei Lavoratori. Se penso ad un lavoratore, mi viene in mente mio padre. Uno di quelli vecchio stampo. Quelli a cui la sveglia suona alle 6 tutti i lunedì mattina, alle 5 torna a casa, che crede ancora nella pensione ed è quasi disilluso dai sindacati.

Se penso a me oggi, mi vedo lavoratrice ma con un futuro diverso, forse più instabile. Poi penso a tutti i ragazzi come me. Una voce comune continua a ripetere che i giovani si adagiano, che sono mammoni e non riescono a rimboccarsi le maniche.

Ecco oggi vorrei parlarvi proprio di loro. Della nostra economia che non li aiuta, di coloro che la mattina si vegliano non perché hanno un cartellino da timbrare, ma perché hanno un obiettivo da raggiungere. Continua a leggere